ITALIAN METEOR and TLE NETWORK

Forum dedicato all'osservazione e lo studio di meteore, bolidi e TLE (Transient Luminous Events).
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Raggi cosmici?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
Ferruccio Zanotti
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3758
Età : 45
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 07.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Sab Nov 20, 2010 7:52 pm

Comunque mi fà piacere che il forum si stia animando sempre più, anche grazie ai nuovi iscritti, in ogni caso se qualcuno dovesse riprendere luci sismiche, fulmini globulari, o luci anomale in genere, sarebbe un peccato non inserirle nel forum, e direi che si può utilizzare questa sezione del forum dove si parla di eventi insoliti.

Ferruccio
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ferruccio Zanotti
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3758
Età : 45
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 07.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Sab Nov 20, 2010 8:10 pm

Qui trovate l'articolo che ho realizzato a suo tempo assieme a Massimiliano Di Giuseppe e Romano Serra, dopo l'esperienza di Hessdalen:


http://www.itacomm.net/ph/2008_Columbia.pdf



Anche Massimiliano fece la prova col tappo per scartare raggi cosmici o disturbi elettrici e non rilevò nulla, ma devo dire che all'epoca è stato osservato il nastro visualmente e non avevamo PC con software tipo ufocapture, quindi sicuramente si era meno precisi.

Ad onor del vero con l'esperienza acquisita ad oggi con le riprese video nell'IMTN, non posso escludere che diversi di quei flash luminosi registrati, a parte quelli visti visualmente e in contemporanea con la videocamera, siano disturbi elettrici o raggi cosmici, visto che da quando ho iniziato a registrare con le Mintron dei fenomeni del genere ne abbiamo ripresi a bizzeffe e anche col tappo o le nuvole.

All'epoca ero agli inizi delle esperienze, sicuramente qualcosa di genuino abbiamo registrato e visto, ma probabilmente dopo i dati raccolti fino ad oggi dal nostro gruppo, mi sento di ridimensionare il numero di eventi certi.

Ferruccio

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tornado1977

avatar

Numero di messaggi : 1252
Località : Lazio- Abruzzo
Data d'iscrizione : 09.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Sab Nov 20, 2010 8:32 pm

Renzo, Ferruccio vorrei analizzare i filmati originali delle luci riprese ad Hassdalen, riportate nell'articolo, con i software dell'ITATOR. Permettete?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Renzo Cabassi

avatar

Numero di messaggi : 934
Località : Imola (BO)
Data d'iscrizione : 07.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Sab Nov 20, 2010 8:42 pm

sono del Team Zanotti, Di Giuseppe e Romano Serra. Il CIPH ha solo collaborato in un qualche modo... :-)
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.ciph-soso.net
Ferruccio Zanotti
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3758
Età : 45
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 07.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Sab Nov 20, 2010 9:36 pm

Nessun problema Diego, devo solo recuperarli dai nastri magnetici dell'epoca, che li ha Massimiliano.

Ferruccio
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tornado1977

avatar

Numero di messaggi : 1252
Località : Lazio- Abruzzo
Data d'iscrizione : 09.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Sab Nov 20, 2010 10:21 pm

danielecataldi ha scritto:
Salve ragazzi, ho letto gli ultimi posto ch avete introdotto, e solo desso (per questioni di lavoro) sono riuscito a leggerle. Ciò che dite è importante, la domanda: perchè non avete già eseguito una osservazione "stereo" con due strumenti per accertarvi dell'esistenza del fenomeno? ... credo che questo sia eloquente (poi mi dite che tipo di apparecchiatura è quella a colori? Modello etc...).

In realtà, Daniele, questo è stato fatto indirettamente, perchè avendo stazioni a distanze di 30-100 km in Abruzzo e Lazio, quando una di esse registrava una "spuria", l'altra non segnalava nulla, a parità di settaggio software, hardware e analoghe Mintron in B/N e ovviamente con sincronizzazione dell'orario... fino a poco tempo fà GPS. Le specifiche della strumentazione le trovi nella sezione "hardware" e "software".

danielecataldi ha scritto:
per quanto riguarda i PSE Precursori Sismici Elettromagnetici: come facciamo a dire che si tratta di fenomeni geologici?: beh... insigni studiosi hanno già rilevato da tempo e studiato tali precursori in passato... denotandone l'esistenza.... un accenno potrebbe essere fatto, ad esempio, anche alle registrazioni dei radioamatori... ma in questa sede sarebbe poco consono... possediamo comunque molte informazioni al riguardo dei dipolo elettrico generante emissioni elettromagnetiche oscillanti determinate dalla rottura cristallina delle rocce... (Teoria Tensione Tettonica), tutte ipotesi già considerate e plausibili. I ricercatori dell'Aquila ci stanno dando chiari riferimenti di plausibilità delle registrazioni... e questo non è poco.


Sono almeno 35 anni che si studiano precursori elettromagnetici in Giappone, Cina, USA, ex repubbliche Sovietiche, ecc. mentre in Italia, siamo un pò lunghi su tempi !Conosciamo diversi ricercatori in gamba a L'Aquila, anche se la collaborazione avviene con alcuni contatti dell'Università di Perugia. Proprio per avere qualche studio interessante su precursori EM, indotti da effetto piezoelettrico da stress meccanico, questa estate, abbiamo allestito un campo base a 1500 m di quota, a 20 km in linea d'aria dal settore sismogenetico di Montereale, che presentava (tutt'ora!) uno sciame sismico attivo. Purtroppo nessun evento di rilievo è stato registrato.


danielecataldi ha scritto:
A volte si rischia di sottovalutare determinati fenomeni, come in parte è accaduto quì, molte registrazioni contenevano tali anomalie ma nessuno si è domandato cosa fossero... eppure ci sono state... la mia domanda (visto che voi me ne fate molte, come giusto che sia)è: perchè non sono state considerate degne di uno studio più approfondito? Ovviamente non voglio in nessun caso polemizzare, ma constatare solo un dato di fatto.

Massima collaborazione, i nostri dati e quelli dell'IMTN sono a disposizione, ma le correlazioni devono essere fatti su base statistica avanzata. Se avremo segnali di rilevanza avrete accesso agli stessi, ma per il momento non ci sono i presupposti per una correalzione "causa-effetto" di queste spurie video.

danielecataldi ha scritto:
Già da ieri, abbiamo impostato spectrumlab per la registrazione a dippio canale: da 0-50 Hz e da 500 a 800 Hz, vediamo cosa esce fuori... come vedete stiamo organizzando la nostra equipe per tali rilevazioni, confido in una vostra collaborazione e supporto di tipo tecnico per aiutarci al meglio, ma non dimentichiamoci che non conosciamo affatto la natura di determinate anomalie e quindi la ricerca necessita di molto tempo in questo settore di indagine. Se riuscite ad analizzare, ciò che avete registrato, potete ad esempio farmi sapere cosa avete riscontrato..

Bene, vediamo se la banda è potenzialmente quella corretta! Anche noi abbiamo attivata nello stesso range, per avere un controllo incrociato, un loop magnetico, interlacciato con il segnale video delle camere. Questo permette di temporizzare con lo stesso orario entrambi i segnali campionati e se su "n" eventi, ci sarà uo solo di questi, già si potrà iniziare a lavorare in questo settore d'indagine.

Ciao!
Diego
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
danielecataldi



Numero di messaggi : 67
Età : 39
Località : Lariano
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioTitolo: ok, collaborazione...   Sab Nov 20, 2010 10:46 pm

Ok, Tornado, vedremo i risultati... non resta che addendere qualche ora... per ora buon lavoro, il monitoraggio ha inizio!!! Appena posso vi mando dell'altro materiale interessante...

ciao!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.ltpaobserverproject.com
danielecataldi



Numero di messaggi : 67
Età : 39
Località : Lariano
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Sab Nov 20, 2010 11:08 pm

date un'occhiata a questo:


originale


300%


800%

si tratta di uno dei globi dall'apparenza plasmoide che vi ho postato in precedenza, in questa registrazione, si nota uno di questi, posizionato dietro ad un corpo opaco, semi-occultato da qualcosa di scuro e quasi trasparente che vi si trova sopra... forse sono nuvole... secondo voi? Se è una nuvola a coprire il fenomeno si tratta di apparizioni lontanissime (visto che nanche la illuminano) e comunque presenti in atmosfera... che idea vi suggerisce dale evento?

ve ne invio alcuni ingrandimento di oggetti similari registrati in giorni diversi:









ne abbiamo altre tutte presentano oggetti similari... quello presente in alto con vari ingrandimenti, secondo noi è lo stesso fenomeno occultato da qualcosa si opaco, forse nuvole... se fosse così... sarebbe interessantissimo...!!!! che ne dite?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.ltpaobserverproject.com
Ferruccio Zanotti
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3758
Età : 45
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 07.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 9:44 am

Attenzione, che ingrandendo un fenomeno che occupa pochi pixel sull'immagine reale o spurio che sia, in particolare alla bassa risoluzione con la quale operiamo, si rischia di evidenziare parecchi artefetti, ad esempio la Mintron attorno alle stelle più brillanti evidenzia un controno scuro ed è puro artefatto.

Anche nelle immagini che ho nel mio articolo su Hessdalen ingrandito, i dettagli presenti nei "flash" ingranditi sono più che altro artefatti.

Semmai sarebbe utile vedere i video del fenomeno che hai ripreso, se ne capirebbe almeno la dinamica, e anche li non è facile, ad esempio ho una marea di filmati dove la bassa risoluzione di ripresa, mostra a volte gli aerei come chissà cosa Wink

E giusto per dire che occorre procedere con molta cautela, per disernere un fenomeno genuino da un artefatto, a un fenomeno atmosferico, raggi cosmici, insetti, volatili, ecc...

Ferruccio
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
danielecataldi



Numero di messaggi : 67
Età : 39
Località : Lariano
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 9:58 am

ciao, non è il nostro caso, l'anomalia è ben visibile anche utilizzando una semplice funzione di zoom con sull'immagine (visualizzatore immagini windows) io ho dovuto aumentare la risoluzione per pubblicarla sul forum e permettere all'immagine di mantenersi più grande. Qu' parliamo di strutture realmente esistenti che non sono frutto di aberrazioni simili a quelle della Mintron, del tutto diverse, sia per forma, tipologia e colore. L'anomalia opaca è presente solo nella parte superiore del globo e non tutt'intorno. Tale evidenza è molto eloquente anche prendendo in considerazione le altre registrazioni. Si tratta di un elemento reale presente tra l'anomalia e l'osservatore. se volete vi posto il fotogramma originale ma sono più di 2.5 MB, non so se ce la facciamo a caricarlo e a mantenere il formato originale... Si notino anche le diverse emissioni di contorno (aura) che i vari fenomeni posseggono.

Concludendo: L'immagine, secondo me è molto palese e non può dare adito ad altre interpretazioni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.ltpaobserverproject.com
Massimiliano Mannucci

avatar

Numero di messaggi : 453
Età : 46
Località : Pontedera (PI)
Data d'iscrizione : 06.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 10:37 am

Ferruccio Zanotti ha scritto:

Semmai sarebbe utile vedere i video del fenomeno che hai ripreso, se ne capirebbe almeno la dinamica, e anche li non è facile, ad esempio ho una marea di filmati dove la bassa risoluzione di ripresa, mostra a volte gli aerei come chissà cosa Wink

E giusto per dire che occorre procedere con molta cautela, per disernere un fenomeno genuino da un artefatto, a un fenomeno atmosferico, raggi cosmici, insetti, volatili, ecc...


Quoto Ferruccio.
Il singolo frame è insufficiente. Andrebbe visionato l'intero filmato e la relativa dinamica.
A volte le cose più "palesi" nascondono sorprese.

Max
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.osservatoriohack.it
danielecataldi



Numero di messaggi : 67
Età : 39
Località : Lariano
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 11:26 am

l'anomalia è apparsa su un unico fotogramma della durata di 1/10 di secondo, secondo voi come potrebbe essere spiegato questo?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.ltpaobserverproject.com
Nico Montigiani
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1500
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 06.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 11:54 am

danielecataldi ha scritto:
l'anomalia è apparsa su un unico fotogramma della durata di 1/10 di secondo, secondo voi come potrebbe essere spiegato questo?

Questo avvalora ancora di più l'ipotesi del disturbo poichè è la classica durata di questo tipo di fenomeni.

Ma io ho voluto fare qualcosa di più.... ho analizzato la tua immagine che tu dicevi essere "occultata da qualcosa" ed una mia immagine di un fenomeno di disturbo analogo.
Ho aumentato i contrasti per evidenziare quanti artefatti vengono introdotti dalla compressione software e dall'elettronica della telecara.
Il risultato è eloquente mi pare:




Poi ho analizzato alcuni altri miei "disturbi" (detto così suona male Laughing Laughing ) e come si vede ad esempio dalla sequenza qui sotto, fra l'inizio del fenomeno e la scomparsa passa meno di 1/10 di secondo, proprio come nel caso citato da Cataldi:




Ma la prova più "robusta" secondo me è la seguente immagine ripresa dalla telecamera che monta di fronte all'obiettivo un filtro spettroscopico. Qualunque fonte luminosa che arrivi dall'esterno della telecamera deve necessariamente presentare il proprio spettro, esattamente come accade alla stella presente nell'immagine.
Il "disturbo" invece non mostra alcuno spettro perciò è chiaramente generato da una fonte elettrica all'interno della circuiteria della telecamera:





Spero che questo mio contrubuto possa essere di vostro interesse ed utile ad una migliore comprensione di questi fenomeni, che ripeto, anche alla luce di queste mie ultime analisi, reputo del tutto normali (disturbi o flares satellitari).
Che ne pensate?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://meteore.forumattivo.com
danielecataldi



Numero di messaggi : 67
Età : 39
Località : Lariano
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 12:30 pm

Molto interessante, la presenza di compressione intorno all'oggetto dimostra come in effetti l'oggetto luminoso sia ben visibile dal CCD mentre appena fuori dal suo asse l'immagine viene subito compressa. Sinonimo che a quella distanza il CCD non ha sifficiente sensibilità per rilevare anomalie, e luminosità che cadono al disotto dei 2 lx di intensità.

Nell'anomalia registra a 1280 x 1024 sono visibili più particolari e non sono tagliati di netto come accade nella CCTV ultrasensibile, questo è pienamente osservabile. Trovo molto interessante gli artefatti... presenti sulla sequenza video, che comunque sono lineari e paralleli ai pixel del sensore (linee orizzontali o verticali), tipici del sovraeccitamento elettrico... come appare nella sequenza video. In questo caso il dubbio rimane fortemente, trattandosi di registrazioni, le nostre, che mostrano oggetti sferici o ellittici... se si un problema di eccitamento si tratta, che tipo di fenomeno lo può generare? Comunque stiamo allestendo una stazione di monitoraggio per cominciare un'osservazione "stereoscopica" e vedere cosa accade.

In questo contesto c'è molto da analizzare... ed abbiamo solo cominciato ad esaminare una sola tipologia di fenomeni...





ecco ad esempio alcuni fenomeni appartenenti alla medesima categoria ma di differente forma...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.ltpaobserverproject.com
Tornado1977

avatar

Numero di messaggi : 1252
Località : Lazio- Abruzzo
Data d'iscrizione : 09.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 12:57 pm

Nico, mi hai anticipato sulla parte spettroscopica e l'utilizzo del filtro è stato illuminante, in questo contesto! Quindi non verrà postata.

Ho i risultati della notte. Sono state utilizzate tutte le camere disponibili nella stazione per avere il maggior numero di dati (d'eventi), randomizzati e messi in matrice statistica, nella quale i vettori indicavano (coordinate x, y sul CCD, coordinate altazimutali, intensità del segnale, durata). Il confronto è stato fatto con le stesse impostazioni software ed harware delle camere, utilizzando diverse combinazioni:

- confronto del segnale da 2 camere DIVERSE (colori e B/N) orientate nella stessa zona di cielo;

- confronto del segnale tra 2 camere UGUALI in B/N o 2 a colori) orientate nella stessa zona di cielo;

- confronto del segnale randomizzando le direzioni di ripresa e rendendo i vettori di analisi matriciale indipendenti.

In breve cosa si è ottenuto?

Il test statistici hanno evidenziato (con un intervallo di confidenza del 95%) che in tutte e 3 i casi suddetti, il valore probabilistico è lo stesso a parità di varianza! Cioè l'evento è del tutto casuale ed indipendente dalle modalità di ripresa.

Si è proceduto anche monitorando i parametri meteo, quali temperatura T° al suolo, di rugiada, Wind Chill, umidità relativa (RH%), ed è emerso che il numero di "spot luminosi" è aumentato con il variare del gradiente (-) dell'RH% e della T° al suolo. La regressione non lineare fornisce un grafico con un ottimo coeffiiciente di correlazione (R=0.91)

In ultimo le immagini ripresa, dalla camera SSE del Lazio, i cui "spots" non sono visibili nelle altre, puntate sulla medesima zona di cielo. Anche i tracciati radio VLF non presentano anomalie in quell'istante, rispetto ai dB del rumore di fondo medio. Analisi condotta tra le 19:00 e le 04:00 U.T. del 20-21.11.2010.







Quindi che gli "spot" esistano non c'è dubbio, ma sono legati alla componente quantistica del segnale elettronico del CCD, dovuto ad interferenze generate dalla maggiore dispersione di potenziale indotta dall'incremento del tasso d'umidità e dalla temperatura. Poi ci sono quelli dovuti dai raggi cosmici, ma rispetto al totale delle registrazione, sono di numero ridotto.

Al momento non ci sono dati utili per l'ipotesi di plasmi di nuova natura e anche l'ipotesi d'interferenze fase/sfasate per nodi di maggiore energia disponibile non ha fondamento.

Ci sono altri contributi interessanti?

Ciao


Ultima modifica di Tornado1977 il Dom Nov 21, 2010 2:07 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
danielecataldi



Numero di messaggi : 67
Età : 39
Località : Lariano
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 1:07 pm

Immagini di compressione come quelle osservate in questo post, le conosciamo bene. Al di la della compressione video presente all'interno di questi forogreammi, vorrei cominciare a capire che tipo di anomalie possono essere generate da un sensore... ed in particolare se ne conosciamo i meccanismi di formazione. Oggetti strutturati come questi, a parer mio, lasciano forti dubbi in merito alla loro nautra, dovremmo incominciare ad effettuare delle rilevazioni che permettono uno studio angolare preciso e serio.

trovo molto interessanti e degne di nota le registrazioni effettuate da Tornado relative alle tre riprese distinte... ciò dimostra che i fenomeni luminosi rilevati dalle apparecchiature in effetti non sono visibili da altri strumenti puntati nella medesima direzione, questo dato è molto importante e lo sottolineerei!!! Vorrei però sapere dove erano posizionate geograficamente tali apparecchiature, a quale distanza le une dalle altre.

1) la prima e la terza immagine sono identiche, quindi fanno riferimento a due telecamere puntate nella medesima direzione? o si tratta dello stesso fotogramma?

2) il secondo fotogramma è palesemente assai diverso dal primo... a quale distanza tale apparecchiatura si trova rispetto alla prima? (metri o km)
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.ltpaobserverproject.com
danielecataldi



Numero di messaggi : 67
Età : 39
Località : Lariano
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 1:17 pm

Inoltre ho notato che le immagini fanno riferimento a orari molto diversi, come mai? la seocnda e la terza immagine hanno un intervallo di ben 5 ore.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.ltpaobserverproject.com
Tornado1977

avatar

Numero di messaggi : 1252
Località : Lazio- Abruzzo
Data d'iscrizione : 09.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 2:11 pm

danielecataldi ha scritto:


trovo molto interessanti e degne di nota le registrazioni effettuate da Tornado relative alle tre riprese distinte... ciò dimostra che i fenomeni luminosi rilevati dalle apparecchiature in effetti non sono visibili da altri strumenti puntati nella medesima direzione, questo dato è molto importante e lo sottolineerei!!! Vorrei però sapere dove erano posizionate geograficamente tali apparecchiature, a quale distanza le une dalle altre.

1) la prima e la terza immagine sono identiche, quindi fanno riferimento a due telecamere puntate nella medesima direzione? o si tratta dello stesso fotogramma?

2) il secondo fotogramma è palesemente assai diverso dal primo... a quale distanza tale apparecchiatura si trova rispetto alla prima? (metri o km).

Inoltre ho notato che le immagini fanno riferimento a orari molto diversi, come mai? la seocnda e la terza immagine hanno un intervallo di ben 5 ore.


Le tre immagini, adesso distinte perchè c'era un doppione, come giustamente notato, si riferiscono alle riprese effettuate dalla stessa camera, nell'arco della notte. Le altre hanno ripreso altri "spots", ma ad orari differenti, sempre nella medesima sessione notturna e nella stessa zona di cielo oosservata. Cioè sono registrati diversi disturbi, ma mai nella stessa regione monitorata da tutte le Mintron, le quali distano reciprocamente circa 30 cm, ma con differente orientamento.

Sono stati caricati solo i frames più rilevanti della serata, ecco perchè sono 3 in 5 ore.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Nico Montigiani
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1500
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 06.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 4:08 pm

Scusami Daniele, ma non ho capito quale sia la tua ipotesi per spiegare questi fenomeni, anche alla luce di quanto io e Diego ti abbiamo fatto vedere....
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://meteore.forumattivo.com
danielecataldi



Numero di messaggi : 67
Età : 39
Località : Lariano
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 4:47 pm

si, allora, secondo me, a questo punto si tratta di un qualche tipo di particella in grado di raggiungere il sensore, ma ciò non spiega perchè dalle nostre sperimentazioni, con il dispositivo puntato a terra o con il tappo, tali anomalie non sono state osservate... eppure ne rileviamo parecchie ogni notte se prendiamo l'apparecchiatura e la puntiamo verso il cielo come normalmente avviene. Raggi Cosmici? sembra improbabile... forse i dati ricavati dal Laboratorio Nazionale del Gran Sasso e di altre fonti non sono corretti? Mi sembra quasi improbabile... credo si debba ancora sperimentare, anche se, se si trattasse di fenomeni atmosferici dovrebbero essere osservati su tutte le apparecchiature... come giustamente avete detto... davvero un bel rompicapo.

Io credo si tratti di particelle a questo punto e non di rumore elettronico (secondo me non ci azzecca niente), ma se non sono raggi cosmici, di cosa si tratta? Quali altri tipi di particelle esistono che possono essere rilevate da dei sensori elettronici? E per particelle mi riferisto a particelle che provengono dall'atmosfera...!!!

Cosa può essere? Ovviamente stiamo considerando sono una piccola parte delle numerose anomalie da noi categorizzate e sarebbe mia intenzione discutere su ogni tipologia... ovviamente se siete d'accordo... perlomento riesco ad ottenere dati ed opinioni da persone come voi, resoconti che aspetto da oltre un anno...! Mi potresti dire, che tipo di strumento è quello ultrasensibile con il quale fate le osservazioni? Si tratta di una Mintron a colori o cosa?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.ltpaobserverproject.com
Nico Montigiani
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1500
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 06.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 5:10 pm

danielecataldi ha scritto:
....
Io credo si tratti di particelle a questo punto e non di rumore elettronico (secondo me non ci azzecca niente), ma se non sono raggi cosmici, di cosa si tratta? Quali altri tipi di particelle esistono che possono essere rilevate da dei sensori elettronici? E per particelle mi riferisto a particelle che provengono dall'atmosfera...!!!

L'ipotesi è interessante, ma se si trattasse di particelle provenienti dall'atmosfera esse, secondo quanto mostrato dalle immagini con il filtro spettroscopico, non sembrerebbero essere formate da fotoni emittenti nelle lunghezze d'onda rilevabili dai sensori.
Io, per esperienza personale posso dirti che anomalie simili riuscivo a provocarle addirittura spostando il mio vecchio cavo di scarsa qualità che porta il segnale dalla telecamera alla scheda video.
Probabilmente muovendo il cavo provocavo un qualche tipo di interferenza dovuto magari ad un temporaneo cambio di impedenza del conduttore o di capacità.
In definitiva però si trattava sempre di disturbi.

danielecataldi ha scritto:
....
Mi potresti dire, che tipo di strumento è quello ultrasensibile con il quale fate le osservazioni? Si tratta di una Mintron a colori o cosa?

La mia è una Mintron a colori modello 62V6HP-EX con sensibilità di 0.0003 Lux @ F1.2 SENS-UP ON
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://meteore.forumattivo.com
mimmo71

avatar

Numero di messaggi : 35
Località : celano (aq)
Data d'iscrizione : 02.11.10

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 5:33 pm

@tutti
domanda:
ma qual'è il campo di energie (eV) per cui un sensore ccd rileva un raggio cosmico?

torno su questo punto perchè se è vero che
il numero di raggi cosmici che arrivano sulla Terra con energia intorno ai 10^6 GeV
è 1 per m^2 per anno,

è anche vero che per energie intorno a 1 GeV
e’ di circa 1 per m^2 per secondo

fra i due casi statistici, esiste un ampio ventaglio di energie che potrebbe dare una risposta.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Nico Montigiani
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1500
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 06.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 5:41 pm

mimmo71 ha scritto:
@tutti
domanda:
ma qual'è il campo di energie (eV) per cui un sensore ccd rileva un raggio cosmico?

torno su questo punto perchè se è vero che
il numero di raggi cosmici che arrivano sulla Terra con energia intorno ai 10^6 GeV
è 1 per m^2 per anno,

è anche vero che per energie intorno a 1 GeV
e’ di circa 1 per m^2 per secondo

fra i due casi statistici, esiste un ampio ventaglio di energie che potrebbe dare una risposta.

Interessantissima considerazione alla quale purtroppo io non saprei risponderti.

In compenso questo di seguito ha proprio le sembianze di un raggio cosmico che appare e scompare in un solo fotogramma di una mia ripresa Laughing :
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://meteore.forumattivo.com
mimmo71

avatar

Numero di messaggi : 35
Località : celano (aq)
Data d'iscrizione : 02.11.10

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 5:49 pm

bello!
durante la traccia sembra quasi oscillare su livelli energetici periodici,
per cui il sensore va dal viola al verde periodicamente

ps edit:
ottima la soluzione del filtro spettroscopico per discriminare
i fotoni provenienti dall'atmosfera, da effetti che per qualunque motivo si generano tra sensore e circuiteria


Ultima modifica di mimmo71 il Dom Nov 21, 2010 6:14 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Nico Montigiani
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1500
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 06.01.09

MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   Dom Nov 21, 2010 6:06 pm

Articolo interessante sui CCD ed i raggi cosmici..... a capirci qualcosa: Laughing Laughing Laughing

http://snap.lbl.gov/ccdweb/groom.pdf

Leggendolo velocemente ho trovato questa frase relativa ai raggi cosmici incidenti su un sensore orizzontale (quindi che guarda lo zenit):
"the flux in a horizontal detector is expected to be 0.84-0.94 cm−2 min−1 at sea level."

Quindi se non ho capito male, al livello del mare abbiamo mediamente circa un raggio cosmico al minuto ogni cm quadrato di superficie..... il che sembrerebbe essere in discreto accordo con la nostra frequenza di immagini affette da questi fenomeni.....
study
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://meteore.forumattivo.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Raggi cosmici?   

Tornare in alto Andare in basso
 
Raggi cosmici?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» VOYAGER 1: Rilevato notevole aumento dei raggi cosmici interstellari (articolo di AlexVR - Forum Astronautico)
» Densitometro a Raggi X
» Codice cer per monitor pc
» Attenzione!!! Farmaci e abbronzatura! ❖ Vulvodinia.info

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ITALIAN METEOR and TLE NETWORK :: EVENTI INSOLITI: riprese VIDEO-
Andare verso: