ITALIAN METEOR and TLE NETWORK

Forum dedicato all'osservazione e lo studio di meteore, bolidi e TLE (Transient Luminous Events).
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 Alert Quadrantidi 2011

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ferruccio Zanotti
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3804
Età : 46
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 07.01.09

MessaggioTitolo: Alert Quadrantidi 2011   Sab Gen 01, 2011 2:04 pm

Ciao a tutti,

per iniziare bene l'anno Basketball

eccovi le previsioni delle Quadrantidi, uno dei tre sciami annuali maggiori , che nella notte fra il 3 e 4 gennaio, raggiungeranno il picco, proprio in corrispondenza delle ore notturne europee,complice la luna assente e l'altezza del radiante al momento del picco previsto, meglio di così è difficile.

Normalmente il picco di attività dura poche ore, quindi è importante essere nell'emisfero notturno nel momento giusto per sperare di assistere alla massima attività come avviene quest'anno.



Massimo classico previsto: 4 gennaio UT 01h10m (λ⊙ = 283.16 °)



ZHR previsto = 120 (può variare ∼ 60–200)

dal sito dell'IMO ( International Meteor Organization ) http://www.imo.net/calendar/2011 :


New Moon just eight hours after the predicted Quadrantid maximum creates ideal circumstances for observing the shower from northern hemisphere sites this year. From many such places, the shower's radiant is circumpolar, in northern Boötes, attaining a useful elevation only after local midnight, and rising higher in the sky towards morning twilight. This means places at European longitudes east to those of central Asia should be best-placed to record what happens.

However, computations by Jérémie Vaubaillon have suggested the peak could happen at a somewhat different time between roughly 21h UT on January 3 to 06h UT on January 4 (see the diagram on HMO p. 129). The occasional long-pathed shower meteor might be seen from southern hemisphere sites around dawn, but sensible Quadrantid watching cannot be carried out from such places.

The maximum timing above is based on the best-observed return of the shower ever analysed, from IMO 1992 data, confirmed by radio results in most years since 1996. The peak itself is normally short-lived, and can be easily missed in just a few hours of poor northern-winter weather, which may be why the ZHR level apparently fluctuates from year to year, but some genuine variability is probably present too. For instance, visual ZHRs in 2009 persisted for almost fourteen hours at close to their best, with the predicted maximum time falling around an hour or two after the mid-point of this extended interval. An added level of complexity comes from the fact mass-sorting of particles across the meteoroid stream may make fainter objects (radio and telescopic meteors) reach maximum up to 14 hours before the brighter (visual and photographic) ones, so observers should be alert throughout the shower. A few, but apparently not all, years since 2000 seem to have produced a, primarily radio, maximum following the main visual one by some 9–12 hours. Visual confirmation of any repeat of such activity would be welcomed.

VID data recently indicated the QUA may be active weakly for longer than previous visual estimates had inferred, perhaps from December 28 to January 12, compared to just January 1–10 visually (HMO). It is not certain visual observers will be able to follow the shower for so long as yet, as the early and late activity may be too low to be separated from the visual sporadic background. Past observations have suggested the QUA radiant is diffuse away from the maximum too, contracting notably during the peak itself, although this may be a result of the very low activity outside the hours near maximum. Still-imaging and video observations would be particularly welcomed by those investigating this topic, using the IFCs and TFCs given above, along with telescopic results.





Traduzione parziale e approssimativa con Google:


La Luna Nuova appena otto ore dopo il massimo previsto delle Quadrantidi crea circostanze favorevoli per osservare lo sciame dall'emisfero settentrionale. Il radiante è circumpolare ed è situato nel nord del Boote, in ogni caso l'altezza raggiunta diventa interessante solo dopo la mezzanotte locale ed è in aumento verso l'alba. Ciò significa che l'Europa dovrebbe essere l'ideale per osservarle.

Tuttavia, i calcoli di Jérémie Vaubaillon hanno suggerito il picco potrebbe verificarsi tra le 21 h UT del 3 gennaio alle 06 h UT del 4 gennaio.
Le indicazioni riportate sono basate sul ritorno meglio osservato dello sciame, dai dati dell'IMO 1992, confermati dalle osservazioni radio nella maggior parte degli anni dal 1996. Il picco di sé è normalmente di breve durata e può essere facilmente perso in poche ore, il livello ZHR apparentemente varia di anno in anno. Per esempio, visual ZHR nel 2009 è stato persistente per quasi quattordici ore vicino al massimo..ma normalmente è più breve.




Osservate gente osservate

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
Alert Quadrantidi 2011
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» MUD 2011 - TRASPORTATORI
» decreto 18 febbraio 2011 n° 52
» NEW SISTRI 29 APRILE 2011: guida e prodecure ripristino e recupero
» D.M. 52 18.02.2011 art. 14 comma 1
» Assemblea Generale Albo Gestori Ambientali Torino, giovedì 9 e venerdì 10 giugno 2011

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ITALIAN METEOR and TLE NETWORK :: Comunicazioni URGENTI !!-
Vai verso: