ITALIAN METEOR and TLE NETWORK

Forum dedicato all'osservazione e lo studio di meteore, bolidi e TLE (Transient Luminous Events).
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Grafici risultati triangolazoni IMTN 2011

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Nico Montigiani
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1500
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 06.01.09

MessaggioTitolo: Grafici risultati triangolazoni IMTN 2011   Sab Feb 25, 2012 5:50 pm

Vorrei mostrarvi alcuni grafici ottenuti mettendo fra di loro in relazione alcuni parametri risultanti dalle triangolazioni dell'intero 2011.
Guardando questi grafici si possono notare alcune cose interessanti.
La prima fra tutte è che, come è ovvio che sia, i vari sciami hanno parametri simili al loro interno e quindi tendono a concentrarsi in "nuvole" anche nei grafici dove non compare la posizione in cielo con AR e Dec del radiante, ma altri valori come la Vo (Velocità osservata), la Vs (Velocità eliocentrica) e l'Inclinazione dell'orbita delle varie meteore.
Una cosa che mi ha incuriosito è invece il fatto che pure le altre meteore, fra le quali figurano in maggioranza le sporadiche, non appaiono avere valori random distribuiti casualmente nei vari grafici, come in un primo momento mi sarei aspettato di fronte appunto a sporadiche, ossia meteore che sono le une indipendenti dalle altre e che quindi possono avere parametri anche molto diversi fra di loro. Dal grafico risulta evidente invece che ci sono delle ben precise zone "consentite" ed altre "proibite".

Mi piacerebbe avere anche i vostri pareri in merito.

Ecco i grafici:

Meteore 2011 - Vo (Velocità osservata) - Vs (Velocità eliocentrica)


Meteore 2011 - Vo (Velocità osservata) - Inclinazione orbitale


Meteore 2011 - Vo (Velocità osservata) - Vs (Velocità eliocentrica) - Inclinazione orbitale
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://meteore.forumattivo.com
Tornado1977

avatar

Numero di messaggi : 1252
Località : Lazio- Abruzzo
Data d'iscrizione : 09.01.09

MessaggioTitolo: Re: Grafici risultati triangolazoni IMTN 2011   Sab Feb 25, 2012 9:33 pm

Ciao Nico,

c'era un post sul forum, che avevo fatto, in merito alle sorgenti di SPOR.
Ciao
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Nico Montigiani
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1500
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 06.01.09

MessaggioTitolo: Re: Grafici risultati triangolazoni IMTN 2011   Sab Feb 25, 2012 9:35 pm

Tornado1977 ha scritto:
Ciao Nico,

c'era un post sul forum, che avevo fatto, in merito alle sorgenti di SPOR.
Ciao

Sì, l'ho letto, ora non ricordo bene dov'era, ma questi grafici mostrano tutte le meteore compresi gli sciami e le sporadiche. Wink
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://meteore.forumattivo.com
Lorenzo Barbieri



Numero di messaggi : 245
Località : Budrio (Bologna)
Data d'iscrizione : 12.01.10

MessaggioTitolo: Re: Grafici risultati triangolazoni IMTN 2011   Mar Mar 06, 2012 10:19 pm

Belli questi grafici.
il primo mostra la proporzionalità tra velocita delle particelle nel sistema di rifeirmento della terra con quella nel sistema di riferimento del sole. E ovvio che essa debba vedere tutte le particelle disporsi su una retta visto che la velocità della terra intorno al sole è una costante. La diversa inclinazione è data dal diversa direzione di impatto con la terrra dei vari sciami ("da davanti o da dietro") .
Tutto ovvio ma la rappresentazione mi pare bella ed elegante.
Nella relazione velocità-inclinazione riguardante le sporadiche mi sembra che si veda bene la somma di due funzioni: una, anche qui di proporziaonalità diretta (a zero "ti vengono da dietro e vanno più piano" e a 180 "ti vengono da davanti e vanno più forte").
La seconda direttamente proporzionale al seno dell' angolo ( la variazione è tanto più ampia quando ci si avvicina al piano dell' eclittica)
Non lo so se è una lettura corretta ma a me pare che possa essere così.
In ogni caso è un ulteriore riprova della potenza e dell' efficacia di UFO oltre che dell' ampiezza e rappresentatività dei dati raccolti dal network
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Nico Montigiani
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1500
Località : Firenze
Data d'iscrizione : 06.01.09

MessaggioTitolo: Re: Grafici risultati triangolazoni IMTN 2011   Mer Mar 07, 2012 10:09 pm

Ti ringrazio Lorenzo per le tue interessanti considerazioni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://meteore.forumattivo.com
alfredocaronia



Numero di messaggi : 219
Età : 67
Località : astrofilo italiano residente in Romania
Data d'iscrizione : 04.10.10

MessaggioTitolo: Grafici delle Meteore 2011   Dom Nov 25, 2012 5:58 pm

Ciao Nico e buona sera a tutti!

Ho letto questa discussione solo oggi e voglio tentare di dare una spiegazione alla considerazione interessante di Nico sulla sorprendente simmetria nei percorsi delle sporadiche!
Questo perché, pur non avendo mai fatto triangolazioni per materiale impossibilità, mi sono interessato all'argomento sporadiche su internet e riassumo le conclusioni pervenute estrapolando alcuni passi da siti internet per poi riassumere una più sintetica chiusa:


- 7 Iris
il pianetino un'importante sorgente di questo tipo di meteoriti. Le dinamiche planetarie indicano inoltre che Iris dovrebbe essere, assieme a un largo numero di asteroidi situati nei pressi della lacuna di Kirkwood in risonanza 3:1 con Giove, una fonte rilevante di meteoriti.
http://www.wikideep.it/lacuna-di-kirkwood/

---------------------------------------------------------------------------------------------

Per quanto concerne invece le meteore sporadiche, che come si è detto assumono l'aspetto di eventi occasionali e isolati, l'origine è più incerta: ancora oggi le ipotesi sono molteplici. Potrebbero provenire dalla fascia principale degli asteroidi orbitante fra Marte e Giove,e deviate dalla loro traiettoria dalla perturbazione gravitazionale del pianeta gigante.

http://www.astrofilitrentini.it/attiv/lavori/pietre.html

----------------------------------------------------------------------------------------------

Mentre il collegamento qualitativo fra queste lacune e le maggiori risonanze di moto medio è chiaro e ben noto; un’analisi dettagliata dell’evoluzione dinamica degli oggetti che si formano o che entrano, per processi diversi, nelle risonanze, è molto più complessa. Il generale svuotamento delle regioni risonanti è di solito collegato all’effetto combinato della risonanza stessa con quello di altre risonanze secolari. Inoltre all’interno delle regioni risonanti si possono anche avere delle piccole sottoregioni di stabilità, che risultano popolate di oggetti. La scoperta di questa maggiore complessità, anche a livello osservativo, è stata resa possibile dal recente enorme aumento del numero di asteroidi catalogati.

Paolo Paolicchi

http://www.treccani.it/enciclopedia/lacune-di-kirkwood_%28Enciclopedia-della-Scienza-e-della-Tecnica%29/

-----------------------------------------------------------------------------------------------


Oggi si pensa piuttosto che gli asteroidi siano il frutto di un “aborto” planetario, cioè che siano dei planetesimi che in questa zona non hanno potuto dare luogo a un pianeta a causa del disturbo gravitazionale di Giove, capace di perturbare le loro orbite e di “rimescolarle” a tal punto da generare parecchie rotte di collisione fra questi piccoli corpi. Gli urti reciproci avrebbero frammentato i planetesimi in corpi sempre più piccoli e sempre più numerosi fino alla situazione attuale in cui gli impatti sono drasticamente diminuiti. Questa idea sembra confermata dalla presenza di raggruppamenti di vere e proprie famiglie di asteroidi su certe orbite favorite e dalla pressoché totale assenza in altre, dette “lacune di Kirkwood”, evidentemente sfavorite dalle perturbazioni provocate da Giove sul moto orbitale di questi piccoli corpi.

http://www.torinoscienza.it/dossier/l_origine_degli_asteroidi_3537

--------------------------------------------------------------------------------------------------



Quindi meteore sporadiche situate nella lacuna di Kirkwood con risonanza 3 :1 con Giove che ha frantumato in corpi sempre più piccoli ( meteore appunto ) gli asteroidi progenitori ( tipo spettrale S come detto in un link sopra ? ) focalizzando quindi in un punto preciso ( sfavorito e quindi povero di asteroidi rimpiazzati da molteplici frammenti) la zona di irraggiamento delle sporadiche?
Potrebbe essere così o magari è un doscorso già noto?

Io ho solamente curiosato tra siti abbastranza accreditati senza pretese nozonistiche ma per curiosità di capire e quindi per sentire il parere di Nico e di chiunque vogliasu un tema molto interessante!

Cieli sereni!

Alfredo
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
alfredocaronia



Numero di messaggi : 219
Età : 67
Località : astrofilo italiano residente in Romania
Data d'iscrizione : 04.10.10

MessaggioTitolo: Triangolazioni anno 2011   Sab Dic 01, 2012 9:17 pm

Saluti a tutti! Forse sarà una domanda tardiva o non letta , la mia! Non so perchè!
Però un parere qualsiasi mi piacerebbe sentirlo comunque!
Grazie! Cordialmente!
Alfredo Caronia

alfredocaronia ha scritto:
Ciao Nico e buona sera a tutti!

Ho letto questa discussione solo oggi e voglio tentare di dare una spiegazione alla considerazione interessante di Nico sulla sorprendente simmetria nei percorsi delle sporadiche!
Questo perché, pur non avendo mai fatto triangolazioni per materiale impossibilità, mi sono interessato all'argomento sporadiche su internet e riassumo le conclusioni pervenute estrapolando alcuni passi da siti internet per poi riassumere una più sintetica chiusa:


- 7 Iris
il pianetino un'importante sorgente di questo tipo di meteoriti. Le dinamiche planetarie indicano inoltre che Iris dovrebbe essere, assieme a un largo numero di asteroidi situati nei pressi della lacuna di Kirkwood in risonanza 3:1 con Giove, una fonte rilevante di meteoriti.
http://www.wikideep.it/lacuna-di-kirkwood/

---------------------------------------------------------------------------------------------

Per quanto concerne invece le meteore sporadiche, che come si è detto assumono l'aspetto di eventi occasionali e isolati, l'origine è più incerta: ancora oggi le ipotesi sono molteplici. Potrebbero provenire dalla fascia principale degli asteroidi orbitante fra Marte e Giove,e deviate dalla loro traiettoria dalla perturbazione gravitazionale del pianeta gigante.

http://www.astrofilitrentini.it/attiv/lavori/pietre.html

----------------------------------------------------------------------------------------------

Mentre il collegamento qualitativo fra queste lacune e le maggiori risonanze di moto medio è chiaro e ben noto; un’analisi dettagliata dell’evoluzione dinamica degli oggetti che si formano o che entrano, per processi diversi, nelle risonanze, è molto più complessa. Il generale svuotamento delle regioni risonanti è di solito collegato all’effetto combinato della risonanza stessa con quello di altre risonanze secolari. Inoltre all’interno delle regioni risonanti si possono anche avere delle piccole sottoregioni di stabilità, che risultano popolate di oggetti. La scoperta di questa maggiore complessità, anche a livello osservativo, è stata resa possibile dal recente enorme aumento del numero di asteroidi catalogati.

Paolo Paolicchi

http://www.treccani.it/enciclopedia/lacune-di-kirkwood_%28Enciclopedia-della-Scienza-e-della-Tecnica%29/

-----------------------------------------------------------------------------------------------


Oggi si pensa piuttosto che gli asteroidi siano il frutto di un “aborto” planetario, cioè che siano dei planetesimi che in questa zona non hanno potuto dare luogo a un pianeta a causa del disturbo gravitazionale di Giove, capace di perturbare le loro orbite e di “rimescolarle” a tal punto da generare parecchie rotte di collisione fra questi piccoli corpi. Gli urti reciproci avrebbero frammentato i planetesimi in corpi sempre più piccoli e sempre più numerosi fino alla situazione attuale in cui gli impatti sono drasticamente diminuiti. Questa idea sembra confermata dalla presenza di raggruppamenti di vere e proprie famiglie di asteroidi su certe orbite favorite e dalla pressoché totale assenza in altre, dette “lacune di Kirkwood”, evidentemente sfavorite dalle perturbazioni provocate da Giove sul moto orbitale di questi piccoli corpi.

http://www.torinoscienza.it/dossier/l_origine_degli_asteroidi_3537

--------------------------------------------------------------------------------------------------



Quindi meteore sporadiche situate nella lacuna di Kirkwood con risonanza 3 :1 con Giove che ha frantumato in corpi sempre più piccoli ( meteore appunto ) gli asteroidi progenitori ( tipo spettrale S come detto in un link sopra ? ) focalizzando quindi in un punto preciso ( sfavorito e quindi povero di asteroidi rimpiazzati da molteplici frammenti) la zona di irraggiamento delle sporadiche?
Potrebbe essere così o magari è un doscorso già noto?

Io ho solamente curiosato tra siti abbastranza accreditati senza pretese nozonistiche ma per curiosità di capire e quindi per sentire il parere di Nico e di chiunque vogliasu un tema molto interessante!

Cieli sereni!

Alfredo
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Grafici risultati triangolazoni IMTN 2011   

Tornare in alto Andare in basso
 
Grafici risultati triangolazoni IMTN 2011
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» MUD 2011 - TRASPORTATORI
» decreto 18 febbraio 2011 n° 52
» NEW SISTRI 29 APRILE 2011: guida e prodecure ripristino e recupero
» D.M. 52 18.02.2011 art. 14 comma 1
» Assemblea Generale Albo Gestori Ambientali Torino, giovedì 9 e venerdì 10 giugno 2011

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ITALIAN METEOR and TLE NETWORK :: METEORE e BOLIDI: ORBITE e TRIANGOLAZIONI traiettoria in atmosfera :: Triangolazioni IMTN anno 2011-
Andare verso: