ITALIAN METEOR and TLE NETWORK

Forum dedicato all'osservazione e lo studio di meteore, bolidi e TLE (Transient Luminous Events).
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista utentiGruppiRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Stazione - LTPA Observer Project - Radio Emissions Project

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
danielecataldi



Numero di messaggi : 67
Età : 39
Località : Lariano
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioOggetto: Stazione - LTPA Observer Project - Radio Emissions Project   Sab Mar 16, 2013 11:41 pm

Salve, ecco i dati della nostra stazione:

LTPA Observer Project - Latitudine 41°.41'.4,27'' N - Longitudine 12°.38'.33,6'' E

ST1 - CCTV Camera: Sony CCD 1/3 di pollice - Obiettivo 4 mm, Sensibilità 0.00001 lux Full Color Image - Strumento puntato a N-W con elevazione di 20.60°. Immagine: 640 x 480 Pixel di grandezza. Resistenza all'impermeabilità : IP66

Features:
※ 1/3"Sony super HAD CCD,Advanced DSP
※ Capture full frame & color image under ultra low light situation, no slow motion
※ Built-in SSNR, upgraded 3D Noise Reduction technology effectively reduce the noise on
image displayed under low illumination
※ 700TVLines High resolution, color picture in day and night
※ Min. illumination 0.00001Lux at F1.2
※4mm lens
※Waterproof IP66
※ Full OSD and insert OSD control board

Software: UFOCapture + UFOAnalyzer

ST2 - CCTV Camera: Sony CCD 1/3 di pollice - Obiettivo 12 mm, Sensibilità 0.00001 lux Full Color Image - Strumento puntato a Nord con elevazione di 44.30°. Immagine: 640 x 480 Pixel di grandezza, con un'elevazione di 20.70°



Storia:

L’LTPA Observer Project è un progetto di ricerca scientifico fondato tra il 2008 ed il 2009 da Daniele Cataldi e Gabriele Cataldi che si occupa della ricerca e dello studio dei fenomeni luminosi transitori che si verificano nell'atmosfera terrestre (L.T.P.A.), il cui meccanismo di genesi (o origine) non è ancora stato accertato. All’interno del target di ricerca di questo progetto (indipendente) rientrano tutte quelle anomalie che si manifestano sia nella bassa che nell’alta atmosfera terrestre, relative non solo a fenomeni puramente luminosi, ma anche ad anomalie elettromagnetiche [1] e termiche [2]. Si tratta del primo progetto italiano di questo tipo che adotta una metodologia di ricerca scientifica che si basa sul metodo induttivo [3], deduttivo [4] ed ipotetico-deduttivo o di verifica d’ipotesi [5].

Nella Primavera del 2008 (dopo alcuni studi condotti tra il 2003 e il 2004) viene creato l’“IR-Project”, il primo progetto di ricerca fondato da Daniele e Gabriele Cataldi che successivamente, cioè nel 2009, prese il nome di “LTPA Observer Project”. L’IR-Project, aveva come obiettivo la rilevazione e lo studio dei F.L.A. (fenomeni luminosi anomali) in luce visibile-NIR. All’inizio venivano impiegati intensificatori luminosi analogici equipaggiati con tubi ad inversione elettrostatica di prima generazione, successivamente (con la nascita cioè dell’“LTPA Observer Project”) il gruppo ha preferito acquisire strumenti digitali in grado di rendere immagini sovrapponibili a quelle fornite da tubi ad inversione elettrostatica di generazione II Plus. Attualmente il progetto “IR-Project” è stato collocato all’interno del progetto “LTPA Observer Project” ed è stata creata una stazione di monitoraggio trasportabile automatizzata (computerizzata) attiva 24 ore su 24 in grado di rilevare qualsiasi anomalia aerea che cade nella luce visibile-N.I.R. e nell'ultravioletto prossimo al visibile (lunghezza d’onda: 290 - 1150 nm).

L’ultimo nato in casa LTPA Observer Project è il "VISUAL Project" (Acronimo di: VISible-Unidentified Anomalous Lights), attivo dal Maggio del 2010. Questo progetto di ricerca ha come fine l’esplorazione dello spazio aereo nello spettro del visibile attraverso una videocamera ad alta risoluzione attiva 24 ore su 24. Tale progetto ha permesso di rilevare e catalogare numerose anomalie luminose prima sconosciute nel campo degli L.T.P.A. sia in Italia che all’estero.

Nel Febbraio del 2009 viene fondato il sotto-progetto di ricerca denominato “ELF/ULF/VLF Radio Emissions Project” attraverso il quale è stata creata una stazione di monitoraggio elettromagnetico ambientale nelle bande ELF, ULF e VLF operativa 24 ore su 24. Tale stazione utilizza una speciale antenna a bobina (auto-costruita) costituita da 2 bobine realizzate a spire sovrapposte collegate in serie per un totale di 80.000 spire. Le due bobine sono avvolte su un nucleo ferromagnetico: l'Induttanza totale raggiunge i 375,7 kHenry. Le acquisizioni spettrografiche e spettrometriche sono realizzate attraverso il noto free software "Spectrum Lab" ad una risoluzione di 1,3 milliHz (mHz).

Il progetto “ELF/ULF/VLF Radio Emissions Project”, nasce dall’esigenza di monitorare il campo elettromagnetico dei fenomeni “naturali” in concomitanza di osservazioni visuali e/o strumentali (cioè durante lo skywatching) allo scopo di confrontarne e rilevarne eventuali alterazioni (Digital Detector for ELF-ULF-VLF Anomalous Radio Activity) nel caso in cui si riscontri la presenza di un oggetto volante non identificato. L’ultimo progresso acquisito tramite questo tipo di ricerca è rappresentato dalla rilevazione e dallo studio dei precursori sismici elettromagnetici. Tema che è tuttora in fase di studio e che ha aperto una fattiva collaborazione tra l’LTPA Observer Project ed alcuni geofisici e vulcanologi italiani.

Gli scopi e le finalità del progetto LTPA Observer Project, come affermato in precedenza, sono di carattere scientifico. Viene prevista una deontologia propositiva e non negazionista basata sui dati acquisiti.

Qualora il progetto riuscisse a produrre importanti informazioni scientifiche dei fenomeni osservati (proprio come sembra stia accadendo), queste verrebbero elargite a tutti, senza distinzione alcuna. La motivazione etica-deontologica del progetto, infatti, si fonda sulla creazione di una maggiore consapevolezza sociale e culturale della fenomenologia U.F.O. o U.A.P.; un modello in grado di infrangere stereotipi ed errate opinioni basate su false o non corrette informazioni che spesso vengono elargite all’opinione pubblica senza alcun tipo di filtro informativo. Le ultime dichiarazioni governative di molte nazioni del mondo e la declassificazione di migliaia di documenti ufficiali sugli avvistamenti di Oggetti Volanti Non Identificati, sino a poco tempo fa’ considerati “top secret”, non fanno altro che confermare l’unicità, la concretezza e l’importanza di questo tipo di fenomeni.

L’intento è quello di creare un archivio nazionale delle anomalie rilevate e successivamente eseguire degli studi approfonditi. L’LTPA Observer Project stila ogni anno un resoconto delle proprie attività di ricerca, contenenti tutte le osservazioni e le registrazioni ottenute. Tale resoconto, manuali sul tipo di tecnologie impiegate, e molto altro può essere acquistato sotto forma di opera letteraria direttamente dal sito editoriale lulu.com a cui fa riferimento il sito stesso (www.ltpaobserverproject.com) nella sezione “libri degli autori”.
Ricapitolando, le specifiche tecniche dei vari progetti sono:

IR-Project: monitoraggio del cielo diurno per radiazioni elettromagnetiche comprese tra 290 e 1150 nm di lunghezza d'onda e monitoraggio del cielo notturno per radiazioni elettromagnetiche comprese tra 380 e 1150 nm di lunghezza d'onda con una sensibilità di 0,00045 lux. (Rilevazione di anomalie termiche tra 760 e 1150 nm).

VISUAL Project: monitoraggio del cielo diurno e notturno per radiazioni elettromagnetiche comprese tra 290 e 1050 nm di lunghezza d'onda con una sensibilità di 2-2,5 lux. (Rilevazione di anomalie termiche tra 760 e 1050 nm).

Radio Emissions Project: monitoraggio elettromagnetico ambientale nelle seguenti larghezze di banda e rispettiva risoluzione (tra parentesi):

0-96 kHz (1,5 Hz)
0-48 kHz (0,75 Hz)
0-1378 Hz (20 mHz)
0-918 Hz (14 mHz)
0-459 Hz (7 mHz)
0-229 Hz (4,7 mHz)
0-114 Hz (1,7 mHz)
0-86 Hz (0,893 mHz)
0-68 Hz (2 mHz)


Tra 1 Hz e 0,0013 Hz (banda ELF) e con una risoluzione di 1,3-2 mHz (milliHz).
[1] Anomalie elettromagnetiche: nelle bande ULF, ELF e VLF (ELF/ULF/VLF Radio Emissions Project).

[2] Anomalie termiche: comprese tra i 750 – 1150 nm di lunghezza d’onda (IR-Project).

[3] Permette di creare leggi a partire dall’osservazione dei fatti, mediante generalizzazione del comportamento osservato. http://www.mo-lwick.com.

[4] Aspira a dimostrare, mediante la logica pura, la conclusione nella sua totalità partendo da premesse, in modo da garantire la veracità delle conclusioni, se non si invalida la logica applicata. Si tratta del modello assiomatico proposto da Aristotele come il metodo scientifico ideale. http://www.molwick.com.

[5] Non implica, in principio, nessun problema, giacché la sua validità dipende dai risultati della stessa verifica. http://www.molwick.com.
Un Progetto libero ed autofinanziato
L'LTPA Observer Project è progetto completamente autofinanziato, libero e gestito interamente dagli autori Daniele e Gabriele Cataldi. Non riceve alcun incentivo o finanziamento statale, tantomeno è controllato da alcun ufficio governativo. Lo scopo di tale "libera gestione" è quello di poter contare su un progetto di ricerca libero da filtri o censure di alcun tipo.

Lo scopo è quello di poter permettere un allargamento di coscienza relativo a questo tipo di ricerca e raggiungere il maggior numero di persone, affinchè i nostri studi possano essere aperti e condivisi veramente a tutti.

Responsabili del progetto:

Dr. Daniele Cataldi - Dr. Gabriele Cataldi

www.ltpaobserverproject.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.ltpaobserverproject.com
 
Stazione - LTPA Observer Project - Radio Emissions Project
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Radio digitale Sat
» AAPO - Apollo Application Project for Orbiter
» Webcam Macerata
» Vi consiglio un dissaldatore
» Contraccezione naturale e monitoraggio del ciclo --> Diffondere la conoscenza

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ITALIAN METEOR and TLE NETWORK :: RETE DI MONITORAGGIO ATMOSFERICO (I.M.T.N.) e regole d'accesso al NETWORK :: FOV stazioni IMTN-
Andare verso: